sabato 27 settembre 2014

UVA-VINO

Dall'uva il nettare degli déi....Il Vino.... 

..vino vinello che fai perdere il cervello!

ahh briccone, 
subito in prigione, 
e per finire la tua condanna,
passerai giù da questa canna!!..  


Avevo visto un uomo un po' brillo che recitava questa filastrocca, era lunga ma ricordo solo queste poche parole. 
Nel dire.. questa canna, buttò il bicchiere di vino in bocca 
e lo bevve d'un fiato ... 

 Ero bambina ma certe scene restano impresse nella memoria.  


Per stare in tema,
metto questa foto 
che penso risalga 
negli anni 1930 .
Il mio nonno Tita, 
che già parlai di lui poco tempo fa, tiene 
in mano il bicchiere   
suo cognato gli sta versando del vino 

mentre suo padre (mio bisnonno ) seduto sull'erba 
sta osservando.... 
Il nonno Tita era elettricista ma nelle ore libere  
lavorava nel campo della parrocchia. 
Coltivava ulivi e vigne, poi non mancavano 
ciliegi, pere, granoturco, insalata ed altre verdure.
 Sapeva fare un buonissimo vino. A questo proposito 
ricordo con quanta allegria insieme a mio fratello e cugini, 
abbiamo pigiato l'uva con i nostri piccoli piedi. 
Tra i miei ricordi, se chiudo gli occhi, mi sembra ancora 
di vedere il mio papà e i miei zii che osservavano il nonno 
mentre dalla botte apriva lentamente un piccolo rubinetto 
e faceva colare nel bicchiere un po' del nuovo vino
 Poi lo guardava in controluce per ammirarne il colore e la
  limpidezza .
Ricordo che noi bambini stavamo incantati ad osservare 
la scena.
Allora il nonno ci diede da assaggiare un po' di vino dicendo 
"" tò bevì un gosso de sto vin chel ve fa sangue"..
 ( tò bevete un goccio di vino che vi fa sangue)!!

Era buono e dolce,  come dolci sono questi ricordi e questi 
bei grappoli di uva delle foto.  Peccato che l'estate di 
quest'anno sia stata turbolenta e non abbia 
favorito le coltivazioni di frutta e verdura.  



Amici tutti, vi mando un telematico abbraccio e vi ringrazio tanto,   la 
vostra presenza mi rallegra.  Bruna .

 ciaooooociaoooooociaooooooo

13 commenti:

  1. Ricordi che non sbiadiscono col tempo ma si rinsaldano nel cuore!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  2. Bruna non mi piace il vino, in generale ma questo che mi offre la mia cara amica lo assaggio e brindo alla sua salute.
    Un abbraccio
    Marj

    RispondiElimina
  3. Bellissimi ricordi, Bruna, che uniscono all'affetto e all'allegria di quei tempi il valore di una culturaa contadina, semplice e schietta come il vino di tuo nonno Tita:-)
    Marilena

    RispondiElimina
  4. Bruna leggendo questo post mi sono ricordata quando andavo a casa dalla mia amica Silvana e suo papà e il suo nonno pigiavano l'uva a coinvolgevano anche noi bimbi....
    Piacevoli ricordi.....che come sempre li racconti e coinvolgi tutti noi.
    ciao buonanotte e un abbraccio.
    a domani!
    Magda

    RispondiElimina
  5. Ricordi che accomunano, mio papà coltivava le barbatelle,le talee della vite, ed aveva la vigna. Il vino non riusciva buono come quello della Valpolicella, ma Lui ne andava fiero.

    RispondiElimina
  6. Cara sorellina, a leggere i tuoi 'post' con i ricordi dei nonni, quasi quasi rimpiango di non essere nato un po' prima... direi che accetterei volentieri di avare 5-6 anni in più, pur di aver conosciuto nonno Tita ... Ciaooo

    RispondiElimina
  7. Che bei ricordi...e anch'io adoro di tanto in tanto andare a riguardare le vecchie foto di un tempo in cui la semplicità era quasi sempre sinonimo di felicità!

    RispondiElimina
  8. belli ed interessanti questi tuoi ricordi
    anche qui si è vendemmiato ma come anche dici tu l uva quest'anno non è bella....
    un caro saluto .a presto cara

    RispondiElimina
  9. Ciao Bruna, grazie per essere passata a trovarmi.
    Sono stata 5 giorni con il PC in riparazione e ho ripreso solo da pochi giorni a postare. Qui per ora ho messo solo una foto, scattata di recente. Comunque sto bene. Un abbraccio e buone giornate!

    RispondiElimina
  10. Sono astemia e non amo il vino, cara Bruna, ma questi tuoi ricordi sono come una favola.
    Grazie, sei gentile a condividerli.
    Un abbraccio grande.
    Marilicia.

    RispondiElimina
  11. ....I bei ricordi.....sono il sale della vita !!! Ciaooooooo amica Bruna °__° Smach smach GK

    RispondiElimina
  12. Mia cara
    Che bei ricordi! Noi non avevamo la vigna né ho mai pigiato l'uva, ma l'ho visto fare dagli agricoltori vicini di casa. La foto dei nonni è bella e nostalgica.
    Vienimi a trovare. C'è il messaggio che avevo dedicato alla figlia sposa.
    Baci
    Rosetta

    RispondiElimina
  13. Ciao Bruna, ho letto questo articolo sul vinello
    L'allegria toglie i pensieri.
    Ti lascio un carissimo saluto
    Giorgio

    RispondiElimina

Timidamente mi presento