martedì 9 aprile 2013

CORDIALITA' E RISPETTO

Amici mi è tornato alla mente una giornata particolare di tanti anni fa, per aver sentito un caso analogo capitato in questo periodo, ad una conoscente.   
 Si tratta  di Ospitalità e di RISPETTO!...
   Con tanta gioia, mio marito ed io, ricevemmo un
 invito da un ex collega e carissimo amico
per trascorrere una giornata nella sua bella casa.
Abitava in provincia di Venezia.  Era tanto 
che non ci si vedeva  pur essendoci 
una bella amicizia tra le due famiglie.
Il tempo era grigio e freddo, ma in treno stavamo
 comodamente al caldo .  
Arrivati a casa dei nostri amici la loro accoglienza 
fu festosa, però dopo averci offerto una frettolosa
colazione, la nostra amica ci propose, o meglio, ci 
impose, di fare un bel giro a Venezia, mentre lei 
preparava il pranzo. 
Il nostro desiderio sarebbe stato di rimanere 
tranquillamente in casa in loro compagnia anche perchè
 faceva freddo e minacciava pioggia. Non ci fu niente
 da fare, ci mandò via insieme a suo marito
A Venezia il tempo peggiorò e cominciò a nevicare, pur 
essendo a Novembre...Io non ero preparata per questa gita 
ed avevo le scarpe con il tacco, quindi camminai a testa bassa con la paura di scivolare... Il nostro amico, decantò le bellezze della città mettendo in risalto di come fosse artistica con la neve...
Infreddoliti e stanchi, tornammo volentieri a casa trovando 
una tavola imbandita  di una infinità di pesce di tanti tipi....
C'eano tante di quelle pietanze che se avessimo mangiato tutto ci saremmo ingozzati da star male. 
Ecco come si rovinò una giornata che avrebbe potuto essere bellissima.  
Secondo me, la vera accoglienaza sincera e rispettosa, non sta nel preparare troppo cibo, non sta nel esporre stoviglie pregiate, tovaglie ricamate ed altre esebizioni
ma comportarsi nella spontanea sincerità di persone Vere..

  Con un amichevole abbraccio, auguro a tutti voi tanta gioia. Bruna... ciaooooooooo 
    
  

11 commenti:

  1. A me non è capitato, ma sono d'accordo con te, non conta quanto si mette in tavola, ma conta quello che ci sta intorno....non c'è gioia maggiore che stare in compagnia.
    Ciao cara bruna, buon proseguimento di settimana *___* Magda

    RispondiElimina
  2. ahahhahah ....:-) forse nn vi voleva tra i piedi in cucina proprio perchè voleva riservarvi qst speciale pranzo...forse era il suo modo di dare ospitalità, nn tutti siamo uguali, io avrei preferito fare un breve giretto insieme e poi magari pranzare fuori in qualche tipico locale....beh...ognuno la pensa a modo suo! bacione cara

    RispondiElimina
  3. Bruna condivido la tua conclusione,
    la signora non vi ha voluti tra i piedi per farvi una sorpresa ma
    conta di più lo stare insieme in allegria che ingozzarsi di cibo.
    E' pur vero che ognuno di noi vede le cose da angolazioni diverse quindi, dal suo punto di vista si sarà ritenuta una perfetta padrona di casa.
    Ciao carissima

    Marj

    RispondiElimina
  4. Cara Bruna
    per fortuna che finora non mi è accaduto, perché ritengo che l'ospitalità sia altra cosa. Come scrivi tu, basta poco ma con spontaneità.
    Un bacioooooooooo

    ps. Oggi pomeriggio sono stata ad incontro culturale solo come ospite, ma tutto bello lo stesso.
    Ciaoooooooooooo

    RispondiElimina
  5. Cara Bruna ho letto con piacere questo tuo ricordo, e devo dire che hai proprio ragione.
    Bastava portare meno cose in tavola ma condividere appieno la giornata, passandola al caldo tutti insieme .
    Probabilmente voleva prepararvi un bel pranzo, con tante buone cose buone e, allo stesso tempo, darvi modo di visitare Venezia.
    Ognuno vede le cose a modo suo. .
    Ciaooo

    RispondiElimina
  6. Penso che quella Tua Amica ritenesse di fare cosa gradita sia nell'invitarVi a girare per Venezia, malgrado il freddo, che nell'accoglierVi a tavola con i manicaretti che Lei aveva preparato con affetto..

    Ciascuno ospita in casa propria a modo proprio... Ovviamente questo è solo il mio pensiero, Bruna cara.

    Ti abbraccio, ciaoooooooooo
    Angela

    RispondiElimina
  7. Una giornata da dimenticare.
    Si può trascorrere una piacevole giornata con gli amici
    mangiando anche pane e cipolla e tanti sorrisi che vengano dal cuore.
    Buon pomeriggio Rakel

    RispondiElimina
  8. Amiche mie carissime @Magda-@Fiore- @Mary-@Rosetta-@Mirty-@Angela-@Rakel, siete tanto carine e vi ringrazio per aver espresso il vostro parere. Più o meno la pensiamo allo stesso modo. Non avevo specificato che Venezia la conoscevamo molto bene, anche perchè è la città capoluogo della nostra regione. Tengo a precisare che pur non avendo gradito un comportamento così, la nostra amicizia non cambiò...
    Vi abbraccio augurandovi un lieto week end.. Bruna ... ciaooooooooo

    RispondiElimina
  9. La penso come te, a volte ci perdiamo in cose e gesti cmplicati, quando la serenità, l'amicizia e la gioia sono semplici...un abbraccio
    lella

    RispondiElimina
  10. Hai ragione Bruna. Con quel tempo la signora avrebbe invece dovuto invitarti a rimanere in casa. La gente è strana, a volte ed egoista, lei voleva a tutti costi farti vedere Venezia...Baciotti *_*

    RispondiElimina
  11. non posso che concordare con te Bruna.
    Una giornata trascorsa con gli amici in sintonia e relax vale più di qualsiasi pietanza seppure prelibata.

    RispondiElimina

Timidamente mi presento