sabato 11 settembre 2010

=SONETTI=






 


















Amo il pezzo di terra che tu sei,
perchè dalle praterie planetarie
altra stella non ho.
Tu ripeti la moltiplicazione dell'universo.

I tuoi grandi occhi sono la luce che possiedo
delle costellazioni sconfitte,
la tua pelle palpita come le strade
che percorre la meteora nella pioggia.

Di tanta luna furon per me i tuoi fianchi,
di tutto il sole la tua bocca profonda e le sue delizia,
di tanta luce ardente come miele nell'ombra

il tuo cuore bruciato da lunghi raggi rossi,
così percorro il fuoco della tua forma baciandoti,
piccola e planetaria, colomba e geografia.

=sonetti d'amore di Pablo Neruda=







3 commenti:

  1. Ho letto qua e là il tuo blog: davvero molto interessante, complimenti :) Tornerò a curiosare.
    Un saluto

    Michela

    RispondiElimina
  2. Ciao Bruna..sempre carina e dolce..
    un saluto sul veloce,,vvvvvvvvvvvrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!! Baci!!!

    RispondiElimina
  3. Bruna cara ho letto da un commento che è stato il compleanno di tuo figlio. Non sò se ho capito male, beh.. non mancano i miei auguri se così è! Che dire di Neruda! Un grande!

    RispondiElimina

Timidamente mi presento