mercoledì 19 dicembre 2012

padre TUROLDO


               Amici tutti, ho saputo che nel post precedente, sono apparsi degli angioletti, ahah nel mio blog non ci sono, che abbiano voluto salutare privatamente, tutti i visitatori del mio salotto?? 
Ho pensato di postare un'altra bella poesia, sempre del rimpianto , PADRE TUROLDO
                                                                            

                                                 NATALE                                                                                             
Ma quando facevo il pastore
allora ero certo del tuo Natale.
I campi bianchi di brina,
i campi rotti dal gracidio dei corvi
nel mio Friuli sotto la montagna,
erano il giusto spazio alla calata
delle genti favolose.
I tronchi degli alberi parevano
creature piene di ferite;
mia madre era parente
della Vergine,
tutta in faccende,
finalmente serena.
Io portavo le pecore fino al sagrato
e sapevo d'essere uomo vero
del tuo regale presepio.    ...di padre David Maria Turoldo... 
                                                                       
Con un amichevole abbraccio rinnovo gli auguri a tutti voi che visiterete il mio salotto e anche a tutti gli altri.. Vostra amica Bruna... ciaooooooooooooooo

lunedì 17 dicembre 2012

padre DAVID MARIA TUROLDO

                                                                                 


                                                                                                  .."di David Maria Turoldo"                                                 
                                                                                                                                         
Mentre il silenzio fasciava la terra 
 
Mentre il silenzio fasciava la terra
e la notte era a meta’ del suo corso,
tu sei disceso, o Verbo di Dio,
in solitudine e piu’ alto silenzio.

La creazione ti grida in silenzio,
la profezia da sempre ti annuncia,
ma il mistero ha ora una voce,
al tuo vagito il silenzio è più fondo.

E pure noi facciamo silenzio,
più che parole il silenzio lo canti,
il cuore ascolti quest’unico verbo
che ora parla con voce di uomo.

A te, Gesù, meraviglia del mondo,
Dio che vivi nel cuore dell’uomo,
Dio nascosto in carne mortale,
a te l’amore che canta in silenzio.

Amici tutti, con questa bella poesia di 
padre Turoldo,
vi lascio gli auguri per un lieto 
SantoNatale da trascorrere
con le persone che amate.
In particolare faccio auguri di tanto bene, alle persone sole e che soffrono..
Un telematico abbraccio a tutti voi ed 
un GRAZIE grande per la gioia che mi date 
con la vostra presenza. 
... ciaoooooooo dall'amica Bruna 
                                                              


Timidamente mi presento