sabato 23 giugno 2012

LA VECCHIA MACCHINA DELLA NONNA

Amici blogger questa vecchia macchina da cucire a manovella, sembra uscita da una favola, invece............. 
E' da un po' di tempo che non apro il cassetto dei ricordi..... 
....... Quando morì la mia nonna paterna, la zia che viveva con lei spartì con i fratelli le cose che appartenevano alla loro mamma. 
Mio padre portò a casa una macchina da cucire simile a questa che ho trovato in Google. In casa mia avevamo già la macchina da cucire ed era stata comperata da poco. Io avrò avuto 11 o 12 anni. 
Ricordo che provai ad usarla ma non era molto comoda ed era vecchia. Ricordo che sentii la frase " roba da ferro-vecchio"
Ero bambina ma ogni giorno dovevo badare ai fratelli più piccoli e fare delle faccende mentre la mamma andava a lavorare. 
Mi sentivo più grande della mia età, però quando affacciandomi alla finestra vedevo le mie amichette che giocavano, mi sentivo ancora bambina e correvo un po' in cortile.
A quel tempo passava lo straccivendolo e "acquistava" in cambio di pochi spiccioli le cose che scartavano le famiglie. 
Mi è venne una idea che la giudicai brillante. Proposi a quell'uomo la vendita della macchina come ferro vecchio. Lui si meravigliò e mi chiese se la mamma fosse d'accordo. Io dissi che era un suo ordine. Valutò a modo suo e mi diede poche monete che con orgoglio misi in mano ai miei genitori.. ................ No, non mi picchiarono, ma mi sgridarono molto facendomi capire che  il mio comportamento era sbagliato. 
 Che delusione. Però, poco onesto quell'uomo barattare con una bambina  una macchina da cucire a manovella, funzionante. 
 
 Amici spero di non avervi annoiato. 
Vi auguro un felice week end e vi mando un telematico abbraccio con un sorriso. Bruna. ciaooooooooooo

18 commenti:

  1. Io ho una vecchia macchina da cucire simile alla tua. Quella che ho io però è a pedale. Apparteneva a mia nonna che la usava spesso perchè era brava a cucire. Forse qualche volta, da bambina, l'ho usata anch'io .
    Adesso è un ricordo di mia nonna che è morta da più di trent'anni e la tengo in cantina nel locale lavanderia. Ciao cara Nonna Bruna .

    RispondiElimina
  2. Sì, un uomo davvero senza scrupoli.
    Bella la macchina. Anch'io ne ho una simile apparternuta ai miei avi, ma leggermente più moderna: ha una specie di predella che la fa muovere.
    Buona domenica, Bruna Maria.
    Un bacio.
    Marilicia

    RispondiElimina
  3. Cara mi piace leggere argomenti che trattano i tempi andati. Buona domenica cara con un baciobacio

    RispondiElimina
  4. Buongiorno
    io ho la stessa macchina che possiede Marilicia, era di mia mamma e, anche se la uso perchè molto ingombrante, è riposta in un luogo sicuro...lontano da nipoti che potrebbero fare un brutto pensiero e trovare un uomo senza scrupoli come lo ha trovato l'amica Bruna.....
    Ora non c'è più l'omino che ritira stracci e roba vecchia ora ci sono i mercatini dell'usato e trasportare una macchina simile non è impresa da bambini.
    Bruna, questo tuo gesto rivela la tua attenzione verso le necessità famigliari, avevi sentito il discorsetto di "ferro-vecchio" ed hai elaborato un sistema per guadagnare, sperando in cuor tuo di essere premiata, magari con qualche dolcetto extra (ricordo che lo straccivendolo in cambio dava anche dolcetti sfuso che...sembravano succulente leccornie....)
    Già da bambina Bruna hai capito che al mondo ci sono persone disoneste,a quei tempi su piccola scala ora disonesti alla grande ma questo fa poca differenza.
    Buona domenica Bruna cara

    ciaooooo

    RispondiElimina
  5. Cara Bruna un tempo accecati dal desiderio di plastica vedevamo tutte le cose vecchie solamente vetuste,inutili e spesso ingombranti.
    Non credo che il disonesto "trovarobe" abbia guadagnato molto dalla tua macchina da cucire,il vecchio in quel tempo nessuno lo voleva.
    Felice domenica,fulvio

    RispondiElimina
  6. Il tuo è un ricordo tenero e commovente, da bambini agiamo sempre animati da buona volontà, dalle migliori intenzioni, anche se non sempre i risultati sono quelli che ci aspettiamo.
    Mi dispiace che, per ragioni non dipendenti da me, a casa mia non ho niente del passato, tutto nuovo, non c'è alcuna traccia dei giorni passati né ricordi in quanto mi circonda.

    RispondiElimina
  7. Mia mamma ha sempre fatto la sarta e quella sembra proprio la sua
    o meglio una uguale, aveva anche il mobiletto. Poi quando a smesso
    di cucire per via della vista; a nloi filgie ha regalato un bella macchina da cucire fiammante e quella vecchia a mia zia, naturalmente lei, ne fa buon uso ancora adesso. Io, la mia nuova l'ho usata pochissimo (non sono molto portata per il cucito giusto il necessario, bottoni e orlo).
    Grande post amica bella
    grazie per le tue graditissime visite
    abbracci e baci Chiara
    Buona domenica e auguri a tutti i Giovanni.

    RispondiElimina
  8. Ops...una fila interminabile di errori scusa....
    Chiara

    RispondiElimina
  9. Ma che racconto bello, cara Bruna!!!
    I Tuoi Genitori avranno capito la Tua buona fede e così non Ti hanno punito, giustamente...

    Mia Figlia ha inserito nel Suo arredamento moderno la macchina da cucire Singer a pedale della mia Mammma (che aveva ereditato dalla Sua Mamma), prima per aver in casa un ricordo della Nonna ma anche perchè quella macchina da cucire rappresenta la storia di Bisnonna, Nonna e Mamma sue...

    Buon tutto, un abbraccio e ciaoooooo
    Angela

    RispondiElimina
  10. Che bei ricordi.....
    Un abbraccio e una serena settimana !
    Ciao Bruna !!!!

    RispondiElimina
  11. Grazie per il gentilissimo commento. Un abbraccio e buon inizio settimana! Ciaoooo

    RispondiElimina
  12. Che bello e tenero il tuo racconto. Anch'io credo che lo straccivendolo sia stato disonesto. Però i tuoi genitori, sono stati comprensivi. I miei avrebbero fatto "un macello"!!
    Se penso che oggi chissà cosa darebbero per avere un pezzo di antiquariato così bello!

    p.s. Grazie per il tuo interessamento, mia cara, ho ancora problemi agli occhi che mi tengono un pò lontana dal pc. Devo aspettare la visita medica.
    Buona serata

    RispondiElimina
  13. Buongiorno Bruna
    dormito bene? io sto pulendo casa ma, dopo il primo vetro della finestra ho giù deciso di fare pausa......pole pole dicono in Kenja
    e in questi giorni è proprio il caso di seguire questo consiglio.....

    ciaoooooo
    Marj

    RispondiElimina
  14. Certo che, pur raccontato bene con uno scritto, questo episodio di quando eri bambina, non regge il confronto con quello raccontato a voce, sempre da te naturalmente! Ricordando come l'hai raccontato a noi, immagino il sacco di risate che si farebbero le tue amiche "bloggers". Ciaooo. Gaetano

    RispondiElimina
  15. ciao Bruna, come sta andando l'estate??? i nipoti??? un bacione Bea

    RispondiElimina
  16. Cara Brunella ogni tanto tiri fuori dal tuo meraviglioso sacco dei ricordi,aneddoti di vita, che piacevolmente condividi con noi.
    Grazie!
    Ti abbraccio♥
    dani

    RispondiElimina
  17. ciao Brunella, se ti va passa da me a prenderti un premio!
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  18. Lucidata, spolverata e ancora funzionante anch'io ho una vecchia Singer appartenuta a mia suocera. Ne ho fatto un post parecchio tempo fa. Abbracci

    RispondiElimina

Timidamente mi presento