venerdì 28 ottobre 2011

POETA G.DIEGO


E la tua infanzia, dimmi



E la tua infanzia, dimmi, dove sta la tua infanzia?

Perché io la voglio.
Le acque che bevesti,
i fiori che calpestati,
le trecce che annodasti,
le rise che perdesti.
Come è possibile che non fossero mie?
Dimmelo, sono triste.
Quindici anni soltanto tuoi, e mai miei.
Non mi celare la tua infanzia.
Chiedi a Dio che rifaccia il tempo:
tornerà la tua infanzia e giocheremo.


-- Gerardo Diego

Amici bloggre, vi voglio dedicare questa poesia che amo.
io non so scrivere poesie, ma quando sono belle
mi emozionano profondamente.
Auguri a tutti per un dolce e felice weekend.. Bruna.. ciaoooooooooo


 

1 commento:

  1. Ciao cara, come stai?
    Volevo segnalarti che da me è in corso una Tombolata natalizia (virtuale, ovviamente). Ho pensato che non lo sapessi, così sono passata ad avvertirti :) So che non partecipi mai ai miei giochi, però se ti andasse di fare un'eccezione saresti sempre la benvenuta!
    Un salutone!
    Irene




    RispondiElimina

Timidamente mi presento