giovedì 15 settembre 2011

AMORE




 


 


ANCHE TU SEI L’AMORE


Cesare Pavese


 


Anche tu sei l’amore.
Sei di sangue e di terra
come gli altri. Cammini
come chi non si stacca
dalla porta di casa.
Guardi come chi attende
e non vede. Sei terra
che dolora e che tace.
Hai sussulti e stanchezze,
hai parole – cammini
in attesa. L’amore 
è il tuo sangue – non altro



Amici miei mi sono piaciuti quest versi, forse molti di voi li conoscerà.
Io non li conoscevo. Penso che possano destare sentimenti e ricordi diversi, in base alle proprie esperienze.
Vi arrivi il mio amichevole abbraccio ed un sorriso di simpatia. Bruna.  ciaoooooooooooooooooo

10 commenti:

  1. Davvero belli questi versi!
    Un abbraccio, Bruna

    RispondiElimina
  2. Cammini come chi non si stacca dalla porta di casa. Bruna la sai lunga se hai voluto disseppellire questi versi. C'è chi origlia dietro gli scuri per spettegolare . Chi si appoggia allo stipide e osserva e saluta. Sincera nel non dire foirse, ma nel cuore buono perchè non sa essere felice delle felicità degli altri. Come corre il pensiero, forse ha ragione Chiara: sarebbe bellissimo essere gnomi per catturare il vento che porta con se il fare delle cose e dell'uomo.

    RispondiElimina
  3. a quest'ora ti stai godendo un'allegra compagnia
    e io ne sono felice

    ciaoooo

    RispondiElimina
  4. Bruna tutto bene la giornata???

    sicuramente allegra. ciaooooooooooo!!!  

    a dopo!!

    RispondiElimina
  5. carissima amica
    avrei voluto aspettare dopo la mezzanotte per mandarti gli auguri ma,il PC dopo una certa ora non mi appartiene più quindi prima di chiudere ti invio i miei più cari e sinceri auguri
    BUON COMPLEANNO BRUNA
    sono felice di averti incrociata sulla mia strada insieme alla carissima Magda.

    Tu stai festeggiando quindi il mio augurio lo leggerai domani, giorno in cui sei nata, splendida donna, mamma e nonna.

    Ti abbraccio

    Marj

    RispondiElimina
  6. e il video dov'è finito?
    ora riprovo

    RispondiElimina




  7. ma Bruna ho fatto la prova da me e il video si vedeva, qui l'ho postato due volte e puffffff inghiottito
    riprovo per la terza volta poi rinuncio

    RispondiElimina
  8. Ciao carissima Bruna si sono rientrata ma non voglio pensare a tutto quello che ho da fare dopo 5 mesi di assenza ...
    ma un pò per volta cercherò di farlo ..
    Tu come stai? e tua figlia si è rimessa?
    Comunque domani ci saro per il tuo compleanno
     Un abbraccio  f katia,,, mi piace come mi chiami ^_-^

    RispondiElimina
  9. Bruna ciao come e' andata la giornata? passa a trovarmi ho messo un saluto per te...
    smackkk

    RispondiElimina
  10. Ciao carissima
    eccomi qui a rileggermi questa stupenda poesia di Pavese,
    scritta il 23 giugno del 46 ce nè un'altra scritta assieme o quasi
    metà giugno 46  raccolte in Due poesie a T.

    Le piante del lago
    ti hanno vista un mattino.
    I sassi le capre il sudore
    sono fuori dei giorni,
    come l'acqua del lago.
    Il dolore e il tumulto dei giorni
    non scalfiscono il lago.
    Passeranno i mattini,
    passeranno le angosce,
    altri sassi e sudore
    ti morderanno il sangue
    - non sarà così sempre.
    Ritoverai qualcosa.
    Ritornerà un mattino
    che, di là dal tumulto,
    sarai sola sul lago.

    Cesare Pavese

    Bella vero?

    E' stata scritta per Torino
    (insieme ad -Anche tu sei l'amore-)
    in guerra, almeno, io le interpreto così.
    Visto il periodo

    Uomo tribolato e triste
    per certi versi, e  morì suicida.
    Straordinarie tutte, scritte con un bisogno di forma
    che oltrpassa la forma, una necessità di canto che sovrasta
    il canto.

    Cioa carissima
    un abbraccio e un sorriso
    Chiara

    RispondiElimina

Timidamente mi presento