lunedì 25 aprile 2011

VEGLIA PASQUALE


 Amiche ed amici, questa volta voglio raccontarvi di come
ho vissuto la mia Veglia di Pasqua.
La chiesa della mia parrocchia era gremita di gente e
pur essendo grande, molte persone non hanno trovato
posto nei banchi. Alla nostra comunità parrocchiale si
è unita una comunità africana che vive nella mia città.
 Chi frequenta il mio " salotto telematico", ricorderà
che a Natale feci un post parlandone. La S, Messa è
stata concelebrata dai nostri sacerdoti e da un prete
africano. Sia la liturgia della parola che i canti, si
alternavano tra le due comunità.
Durante la cerimonia è stato celebrato il battesimo
a 5 bambini e battesimo, cresime e prima comunione a
8 adulti.
Il modo di celebrare della comunità africana, è molto
diverso dal nostro. Loro sanno manifestare la gioia e
le lodi a Dio con più vivacità. Lo dimostrano cantando
e ritmando con passi di danza e battendo le mani
al ritmo dei vari strumenti musicali. ---
Insomma alla mia età non avevo mai assistito alla 
cerimonia che ricorda la Resurrezione di Cristo e
neppure a cerimonie di Sacramenti  a persone  adulte.. 
Non ho sentito la pesantezza di quasi tre ore di cerimonia,
 anzi, ero gioiosa e commossa.
L'epoca storica che stiamo vivendo, credo che non sia
tra le più facili. In certi momenti mi coglie anche un
senso di timore, sia per le guerre tra i popoli, sia per
 forme di crescenti violenze e discriminazioni razziali.
 La notte di Pasqua ho colto quanto vi ho sommariamente
raccontato, come un segno positivo e di speranza.
Ringrazio il Signore per queste esperienze di vita e
spero di saper servirmene.
Amici tutti, non vorrei avervi annoiato. Vi mando un
ideale abbraccio di tanta amicizia.. Bruna..ciaoooooooo


5 commenti:

  1. Ciao Cara Bruna
    grazie,mille grazie e di più
    per le tue graditissime visite con foto.
    Sono tornata ieri sera
    traffico intenso ma scorrevole...
    tutto splendido
    a parte il tempo un po' pazzerello.
    La VEGLIA Pasquale rito molto emozionante.
    Un abbraccio
    un sorriso
    Chiara

    RispondiElimina
  2. Cara Bruna sono un inguaribile miscredente,non frequento veglie Natalizie o Pasquali e nelle Chiese entro solamente per vedere le meravigliose opere d'arte che, per merito delle Curie, nei secoli sono state costudite,ma ti auguro di cuore una felice settimana,fulvio

    RispondiElimina
  3. Cara Bruna,
    grszie per il tuo interessante post.
    Tante volte gli inguaribili mis-credenti (#10) sono soltanto formalmente tali, anche perchè capita di trovarne, nei fatti concreti della vita, assai migliori dei credenti.
    Un caro saluto a tutti.

    Leo.

    RispondiElimina
  4. ispiri serenità...bacione

    RispondiElimina
  5. Sai Bruna, io sono stata battezzata la notte di Pasqua.
    Mi è piaciuto il tuo racconto, riempie di speranza.
    ciao mia cara e grazie dei tuoi numerosi passaggi da me, mi fanno un piacere immenso.

    RispondiElimina

Timidamente mi presento