venerdì 19 febbraio 2010

Nonna Bruna e la pearà

 



 "DOSI E DESCRIZIONE DELLA RICETTA"

Premetto che ci sono vari modi per fare la PEARA' Come la faccio io, la preparavano mia madre e la mia nonna..



Ingredienti:

....60 gr. di midollo dell'osso (chiederlo al macellaio)

....150 gr. di pane gratuggiato (non deve essere del tipo condito e nemmeno troppo vecchio)

...50 gr. di burro opp. olio extra vergine

....abbondante pepe nero macinato fresco

....una manciata di grana e se ci fosse bisogno, aggiustare di sale.



Preparazione:

Far sciogliere a fuoco dolce, il midollo e il burro in un tegame di terrecotta. Aggiungere il pane grattuggiato e rimestare per farlo insaporire, poi, sempre mescolando con il cucchiaio di legno, aggiungere il brodo, scegliendolo in superfice in modo che sia più grasso.

Quando il tutto risulterà cremoso ma non denso, coprire il tegame solo a metà e far bollire per circa 2 ore a fuoco bassissimo. Ogni tanto mescolare senza preoccuparsi se si attacca un po' sul fondo. A cottura ultimata, aggiungere una bella manciata di grana e abbondante pepe. Mescolare e lasciare sul fuoco ancora qualche minuto..



Questa saporita salsa va accompagnata con bollito misto di carni, naturalmente molto calde. Di solito si mangia durante l'inverno.

Era il piatto tipico che si trovava tutte le domeniche, nelle famiglie veronesi.


 

21 commenti:

  1. Grande, Bruna! Ottima descrizione della ricetta e appassionante racconto storico. Che acquolina...! Carlo

    RispondiElimina
  2. Bruna
    sono dalla parte di Rosmunda! ben fatto!!!!!!
    Che dire sei super!
    sei una fantastica nonna-cuoca-narratrice
    la ricetta l'hai spiegata alla perfeezione, credo che non la realizzerò perchè un pò grassa per le nostre abitudini, oltretutto non amiamo il bollito.
    Certamente per gli amanti del bollito misto deve essere una salsa strepitosa.

    Cara mi hai veramente stupita con questo video, pensavo fosse tutta opera tua mentre c'è lo zampino del tuo maestro ma, bravissima come attrice.

    Ti lascio un caloro abbraccio,
    digerita la pearà?

    in dialetto da noi pepe si dice: pevar

    Bacione
    ù
    Marj

    brava brava bravissima

    RispondiElimina
  3. Mah.... Bruna! Ultimamente sei piena di inventive e di sorprese. E dire che tempo fa eri  preoccupata perchè non eri in grado di  fare delle operazioni col pc. Anche se c'è lo zampino di qualcuno che ti aiuta, tu sei sempre la protagonista deliziosa, spontanea  con questo  bel viso che  mette tanta serenità e armonia. Ora vengo alla ricetta,devi sapere che io non sono brava in cucina ma passerò la ricetta a Salvatore! Lui è il cuoco di casa ed io sono la domestica tutto fare,tranne che sulla cucina,  ahahaha..  sempre se sono a casa dal lavoro! Ti abbraccio forte mi fà sempre piacere vederti in video così come sei ,cara amica mia. TVB

    RispondiElimina
  4. ma che bella cuoca!!! degna de 'la prova del cuoco' !!!!
    ti ho lasciato anche un commento su you tube....
    personalmente non la farò mai questa ricetta pero' spero ne seguiranno altre, magari di un bel dolce.....sono golosa!!! :-)
    ciao!!! brava e bellissima Bruna!

    RispondiElimina
  5. Ma che fenomeno che sei????
    Io sono una nonna..aimè..non brava!!!

    RispondiElimina
  6. Non so cosa sia, ma grazie alla tua ricetta,  proverò a prepararla.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. bravissima!!!!
    la conosco, in ospedale ci mangiava in mensa perchè il capocuoco era veronese,
    ciao

    RispondiElimina
  8. Mamma mia, non finiscono mai le sorprese (almeno per me)

    E scopro una nonna, giovane, dolce, simpatica, attrice nata, e cuoca raffinata.

    Complimenti!

    Luiss

    RispondiElimina
  9. Bruna ma certo che ti dico il mio nome, non è un segreto!! Mi chiamo Gabry, Gabriella per intero, sono anche su facebook con nome e cognome:)
    Ti auguro uno splendido weekend:***

    Ipocondriaca ( Gabry)

    RispondiElimina
  10. Bruna complimenti sei una brava cuoca. Io purtroppo non amo cucinare,prepara tutto mio marito non mi vergogno a scriverlo. In famiglia il bollito viene  preparatoparecchie volte,  quindi ho stampato la ricetta per Rolando che da bravo veneto seguirà il tuo suggerimento. Il motivo per cui non ha mai cucinato è anche motivato che la cucina lombarda non assomiglia alla cucina veneta. morale: mio marito preferisce cucinare lui anche per i condimenti eccede nell'inserire molto burro, poi colesterolo e trigliceridi sono alle stelle. In questi ultimi anni tante delizie sono state abbandonate per la salute. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  11. Complimenti per la pearà!
    Mi hai fatto venire l'acquolina in bocca visto l'orario di cena
    Complimenti alla cuoca e all'artista.
    Ci sentiamo a fine settimana
    Ciao!   Gianni

    RispondiElimina
  12. ciao nonna Bruna ,
    ma che brava che sei , a casa mia il bollito non và tanto , però la ricetta la copio .....non si sa mai .Bravo anche tuo nipote .
    Un caro saluto e una serena buonanotte .
                                                                                  Magda

    RispondiElimina
  13. Ciao nonna!!! Il video è davvero bellissimo. Sappi che ieri con tutti i miei studenti di italiano ti ho fatto pubblicitá!! Ho detto loro di andare a vedere il tuo blog per conoscere la peará e la mia nonna!!! Ti farò sapere cosa diranno...

    Siamo stati proprio contenti io e Hibai di passare un po' di tempo con te (anche se passa sempre troppo in fretta ogni mio viaggio a Verona!) e devo dire che il ritorno mi ha intristita un po', ma ogni volta che penso alla cena che hai cucinato mi sento meglio!! Qui alcuni amici mi hanno già chiesto di mettermi ai fornelli e imparare la ricetta...sono sicura che ai baschi farà impazzire la pearà! Spero mi riuscirà bene... Ti farò sapere.

    Intanto un bacio enorme!! A presto!!
    Valentina

    RispondiElimina
  14. Ciao Bruna,

    Grazie della tua visita. Il tempo è sempre scarso e quindi non ho più commentato, ma sono passata anche da te.
    Complimenti per il filmato, sei una professionista, meglio di Benedetta Parodi, potresti fare tu la sua rubrica.

    Buon weekend
    a presto
    Luisella

    RispondiElimina
  15. Buona domenica a te nonna Bruna e a tutte le tue amiche 
                                              Magda

    RispondiElimina
  16. Ciao Bruna ,
    hai un blog bellissimo , pieno di colori e allegro .Oggi sembra ancora più bello, con quella giornata grigia e ventosa che c'è fuori .Ieri sembravamo in primavera. Ci hanno promesso anche neve ...vedremo .
    Buona serata e ciao  ciao Magda

    RispondiElimina

  17.  Stavo dimenticando di ringraziare le cosidette "anonime", Gabry-Magda e Teresa. Vorrei incitarle a pregare le loro figlie, a crar loro un blog.(naturalmente in Splinder), così potremmo comunicare...bacioni ...bruna

    RispondiElimina
  18. Fioredicollina4 marzo 2010 18:01


    ciao carssima passo di qui per un salutino....

    RispondiElimina
  19. nonnagirellona4 marzo 2010 19:04

    un saluto anche da me ,con la speranza che arrivi un pò di sole!!!!!!!

    RispondiElimina

  20. nonostante non sono un gra che in cucina vedro di mettermi alla prova con la mitica pearaaaa, seguendo di pari passo la ricetta animata (che belloooo il video..bravissimo sebastiano e bellissima tu ;) ) !! la provero a fare qui in casa ..cosi tra me e la Vale tutta Spagna sara al corrente di quanto e' buona e speciale la peara della nonna Bruna!!!un bacione e un abbraccio ,ci vediamo presto. giulia

    RispondiElimina
  21. salve, sono Stefano, l'amico di sua nipote Giulia, anch'io in erasmus nella stessa città. Era da tempo che non la leggevo e appena ieri mi ha detto che aveva postato il video della ricetta della pearà sono subito corso a vedermelo. Fantastico veramente!! spero vivamente ci saranno altri video suoi con altre spiegazioni culinarie! e un giorno di questi io e giulia ci siamo ripromessi di provare a fare la pearà, le faremo sapere come è  venuta :) 

    RispondiElimina

Timidamente mi presento