martedì 24 marzo 2009

Buoi e Vitelli


Cari amici Blogger, vorrei raccontarvi un aneddoto di quando ero piccola. Forse vi farò sorridere...
 
Abitavo in un paesino ai piedi di una collina. La mia casa faceva parte di un grande caseggiato che nel 16oo era stato un convento di monaci. Con il passare degli anni, e qualche secolo, questo grande caseggiato  fu ristrutturato e furono creati degli appartamenti par molte famiglie. Nel centro di queste case, c'era un grande cortile dove noi bambini potevamo giocare. Da un lato del caseggiato, abitavano dei contadini che possedevano alcuni animali, -buoi e mucche. Quando i contadini tornavano dai lavori dei campi, dopo aver riposto il carro con gli attrezzi e verdure o fieno nel fienile, conducevano i buoi ad abbeverarli in una fontanina di buona acqua sorgiva, situata sulla strada all'esterno del caseggiato.  I buoi camminavano pesantemente, a testa bassa. Mi facevano pena perché mi sembravano molto tristi.
Quando capitava che nascevano dei vitelli, per noi bambini era una festa. Queste bestiole venivano lasciate libere di giocare. Correvano, si saltavano in groppa e facevano mille acrobazie.
Noi bambini ci sedevamo sui gradini tra un piano e l'altro della casa, davanti ad una grande finestra, e ridevamo come matti godendoci lo spettacolo..
Un giorno chiesi a mio padre perchè i buoi non erano simpatici come i vitelli. :Cara, rispose mio padre, i buoi sono stanchi per aver lavorato nei campi, non hanno né voglia, né fiato per saltare, mentre i vitelli hanno in corpo il brio della gioventù!!:    Ricordo che quella considerazione mi impressionò. Cominciai ad osservare gli adulti. Quando vedevo una persona con lo sguardo spento o che la sentivo pessimista, pensavo  :Ecco, quello è un bue!!! : Se vedevo qualche persona grande che aveva voglia di ridere, anche se aveva lavorato, ero contenta, perchè pensavo che dentro di sé aveva ancora il brio della gioventù, come i vitelli ! 
            Cari amici sono strana? vi prego, non consideratemi pazza!  hahaha 
Con il passare degli anni, la vita mi ha donato tante gioie ma anche periodi difficili e dolorosi. A volte credevo di non farcela. Ricordo che un momento mi son analizzata ed ho pensato che era arrivato il mio turno.; Ero diventata "un bue", non averi mai creduto che fosse possibile!!!!Dove'era finita la mia gaiezza??? Come avevo potuto cambiare così???   
 Ora quei periodi dolorosi sono passati, pur sentendo il vuoto e la nostalgia delle persone, tanto care, che non ci sono più. 
Ho ripreso a correre, saltare, cantare e scherzare (naturalmente alla mia età le forze non mi permettono di fare tutto, ma con la fantasia non ci sono limiti!).. So ancora gioire per cose semplici, mi commuovo ancora davanti ai fiorellini di prato. So ancora ridere con le amiche anche per delle scemate.So fare la pagliaccia per far ridere i miei adorati nipoti.....
 
Evviva Evviva, non sono "un bue" !!!!!!!!!hahahahahahah ciaoooooooooooooooo amici.

35 commenti:

  1. Cara Bruna eccomi hai visto!!

    Che bello quello che hai scritto!!

    Che bella riflessione!!

    Non è sempre facile, ma ci proveremo!!! GRAZIE!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Bruna sei semplicemente STRAORDINARIA......pure io ho fatto un periodo con lo sguardo da bue,poi bisogna alzare la testa e andare avanti......

    Io lo vedo benissimo il tuo post,vai tranquilla......BACIO.TVB.GRAZIELLA.

    RispondiElimina
  3. Cara Bruna e' una storia bellissima e ben raccontata la tua...e' incredibile ma vero che i bambini quando gli si danno degli esempi li ricordano per tutta la vita, se dati da un genitore soprattutto. Che dire, di certo gli anni che passano non fanno piacere a nessuno ma questa e' la vita. il corpo ne risente di sicuro ma l'importante e' essere positivi dentro e sorridere, sorridere sempre...sei bravissima! Ciaooo un bacione da Cri

    RispondiElimina
  4. Fioredicollina24 marzo 2009 20:49

    che bella questa tua considerazione e ricordo: io penso che un pò tutti allora siamo o bue o vitello, i momenti in cui siamo più giu o più su penso che ci siano per tutti: sei molto simpatica sai? :-)

    RispondiElimina
  5. Eh no cara la mia nonna! Non sei davvero un bue!

    E' così bello questo racconto, spero proprio lo regalerai anche ai tuoi nipoti...che portino con se quella luce di cui parli, quel brio che non dovrebbe mai mancare, nemmeno di fronte alle difficoltà....perchè vivere questa vita è bello, nonostante le fatiche! E quel fiore che nasce è un miracolo...sempre!

    Sei bellissima nonna!

    RispondiElimina
  6. Bruna che bravaaaaa

    mi hai fatto venire la Passioneee!!!!

    mi hai ricordato le storie della mia mamma...in quei tempi là...

    Non sei matta ..non sei bue..non sei vitello...SEI NONNA BRUNA...in una sola parola...FANTASTICA...

    Bacione ♥

    RispondiElimina
  7. Cara ‘nonna’ Bruna, sono un ‘anonimo dato che non ho un ‘blog’ (non ho tanto tempo da passare davanti al computer pur essendo pensionato) e la mia attività principale spero non mi faccia diventare un ‘bue’, dato che lavoro due – tre orti:- uno di mia cugina, uno di mio cugino ed ora anche (spero) uno per me. Mi è piaciuto molto il tuo racconto e devo dire che sai esprimerti molto bene e mi hai fatto ricordare episodi della mia infanzia. Ho pure letto i commenti favorevoli che hai ricevuto finora e penso che ti abbiano fatto piacere. D’altronde è impossibile non complimentarsi con te su ogni riga di quello che hai scritto.

    Volendo aggiungere qualcosa di diverso mi sentirei di fare un ragionamento su un particolare:- chi diventa ‘Bue’ è responsabile di questo fatto, oppure non ha possibilità fisica di restare ‘Vitello’?

    A volte non serve la castrazione fisica per ridursi a ‘Bue’ ma un insieme vario di fattori che portano a deprimersi e non trovare in sé la forza per reagire. Ogni tanto in televisione dicono che viene scoperto un nuovo ‘Gene’. C’è un ‘Gene’ per ogni attività dell’uomo e sembra quasi che non esista più il ‘libero arbitrio’.

    E allora cosa concludiamo? Augurando a tutti di restare ‘Vitelli’ per tutta la vita, ma se questa è lunga, di accettare con un po’ di filosofia di essere diventati un po’ Bue’ (d’altronde a 60 – 70 – 80 anni è difficile se non impossibile avere gli stessi slanci di quando se ne avevano 20), però senza mai arrendersi. Ed anche di non commiserare chi invece si arrende e lo vediamo depresso. Non possiamo sapere fino in fondo cosa sta passando, anche se all’apparenza sembrerebbe non aver motivi per essere depresso. Può darsi che dentro di lui si sia ‘rotto’ qualcosa di cui non è responsabile.

    Spero di non averti annoiato con questo ragionamento, ma, come ripeto, ho cercato di dire qualcosa di diverso dai meritati complimenti .

    Con affetto. Ciao dall’’ANONIMO’

    RispondiElimina
  8. Carissimi -Nonnalì-Lella-Cris-Fiore-papy-Viky- vi ringrazio per i vostri complimenti. Non avrei immaginato che il mio aneddoto destasse tanta simpatia.

    Caro utente anonimo (che se per me non lo sei,) ringrazio tanto anche te,per i complimenti che mi fai nella prima parte del tuo commento. Scusa, ma mi sembra che tu sia andato oltre, cioè, che tu non abbia afferrato bene il mio concetto. Non volevo assolutamente fare un discorso filosofico...,,Tu lavori 3 orti, ma chi ti obbliga a vangare la terra e faticare ora che sei pensionato? Lo fai perchè ti soddisfa vedere poi nascere le piantine che diventeranno buona; verdura fatta crescere con amore. Quindi il tuo non è lavoro da "bue"..... Aggiungo che,conoscendoti bene, sei una persona semplice, buona e sempre disposta al sorriso, che reputo sincero.

    Quando ho accennato al mio periodo da "bue", le fatiche e le tribolazioni le Dovevo subire, non erano scelte da me. Credo che ogni persona, prima o poi sia costretta a vivere periodi duri.

    Essere "vitelli", come intendevo dire nel mio aneddoto,è possedere, anche ad una certa età, un po' di brio, di entusiasmo e , come si dice, un po' di pazzoide!!! Che non vuol dire INCOSCIENZA!. A te e agli altri amici auguro una buona e gioiosa giornata,(e perschè no, la auguro pure a me!!!hahahaha) Bruna......ciaooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  9. Scusate, rileggendo ho notato alcuni errori di battitura, comunque credo che capirete. Cioaaaaaaaaaaoooooooooooooooooooooooooo Bruna

    RispondiElimina
  10. Ciao nonna....sei dolcissima!

    RispondiElimina
  11. Ciao! ti lascio un caro saluto per una serena notte e un buon week end di tranquillita' (anche se dicono che piovera') UN ABBRACCIOOOO CIAOOO CRIS

    RispondiElimina
  12. Ciao dolcissima Bruna!!!

    RispondiElimina
  13. BUON FINE SETTIMANA BRUNA...

    UN BACIO GRANDE.

    LELLA......

    RispondiElimina
  14. Ciao cara amica, ti auguro una serena domenica e ti abbraccio caramente...ciaooo Cris

    RispondiElimina
  15. Bellissimo e spontaneo racconto,ho compreso perfettamente quanto hai scritto cara Bruna,hai tanto sofferto ma hai avuto le capacità di rialzarti,è un grande insegnamento in questa società che nulla apprezza,il tuo post mi ha riportato indietro nel tempo,quanto dolori ho dovuto sopportare, erano macigni,ma come te ho cercato di superarli,oggi resto ancora incantata quando volano le farfalle,quando nascono i pulcini,quando la luna fà capolino,quando sorge il sole,i colori che la natura ci regala per ogni cambio di stagione. Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Buon inizio settimana BRUNA.

    LELLA.

    RispondiElimina
  17. Buongiorno cara Bruna!! Ti lascio un caro saluto e un augurio di una serena settimana...dai che dalla prossima dovrebbe arrivare il soleeeeeeeee... ciaoooo Cris

    RispondiElimina
  18. AMICI grazie a tutti voi per le espressioni di simpatia e per i saluti che mi avete mandato.

    Vi auguro una settimana serena e possibilmente anche gioiosa, con tanta salute. (stesse cose le auguro anche a me!! hehehehehe!!!!!!) Ciaooooooooooooooooooooooooo e Smach Smach!!!!! Bruna

    RispondiElimina
  19. Anche io vado a TORONTO!!!!!

    parto venerdì!!!!

    ciao bello il tuo pesce d'aprile!!!

    ihihihih

    RispondiElimina
  20. Ciao brunaaaaaaaa

    grazie dei tuoi passaggiiiiiiii!!!

    Non andare a Toronto

    è cosi' bella Verona!! ;-))))

    RispondiElimina
  21. CIAO BRUNA,BUON INIZIO DI GIORNATA.BACIONE

    LELLA.

    RispondiElimina
  22. Bacissimi nonna!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  23. Carissima,

    bei tempi quelli andati, peccato che non tornano +, però ricordarli ci rallegra il cuore.

    Un abbraccio strettissimo.

    Rosa

    RispondiElimina
  24. un bacione alla mia cara amica...un pensiero sempre...buona serata ciaoooooo Cris

    RispondiElimina
  25. UUUEEEE!!!!!!

    postare postare....e fai girare la mia Barza sennòòòòò Bruna mia "NISBAAAA" per cinco anos!!!!

    RispondiElimina
  26. Maaaaaaa BRUNAAAAA

    ti ho risposto in pvt!!!!!

    subito subitoooo ma te non lo leggiii!!!!!vai a vedere corri!!!!

    RispondiElimina
  27. Si si, quoto VikyArado....

    Nuovo post con racconti di quando eri piccina che mi piaciono un sacco!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  28. E' molto bello sentire la vostra presenza, amici cari. Vi ringrazio per le espressioni affettuose che mi fate. A papy rispondo che ( se non sembro una nostalgica,) racconterò altri aneddoti della mia infanzia. Per ora mando a tutti voi il mio amichevole abbraccio e l'augurio di un buon fine settimana. Ciaooooooooooooooooooo ...... Bruna

    RispondiElimina
  29. BUON FINE SETTIMANA BRUNA.

    LELLA.

    RispondiElimina
  30. Ciao Bruna

    Buona domenica anche a teeeeeeee!!!!

    RispondiElimina
  31. ciao Bruna...tu sei semplicemente....

    Bruna ..da te si esce sorridendo...tu scrivi le tue cose,e noi usciamo con il cuore pieno di bei ricordi,e il sorriso sulle labbra..

    tranquilla ..èèèhhh!!

    a volte sono un pò stronzetta io... ...ma me devo sfogare nooooo!!???

    bacionissimi issimi issimi

    ciauuuu

    RispondiElimina
  32. Buongiornoooooo! Hai visto che bella giornata oggi cara Bruna...avrai sicuramente fatto una passeggiata. Grazie del complimento riguardo gli occhi, no quelli non sono i miei, anche se in effetti sono simili...buon proseguimento di giornata e un bacione smackkkkkkkk

    RispondiElimina
  33. Prima di "girare pagina", vi mando un amichevole abbraccio e vi ringrazio per la vostra Graditissima" visita. Ciaoooooooooooooooooooooooo. a tutti voi................Bruna

    RispondiElimina
  34. Cara Bruna,

    lascio volentieri un commento ad un aneddoto tanto carino. Penso ai buoi, oppressi da un giogo pesante che li obbliga a procedere in una determinata direzione, che si trascinano stancamente, un passo dopo l'altro, senza nemmeno la speranza di un giorno che differisca da quello precedente. Non credo che l'età anagrafica c'entri davvero qualcosa. Ci sono molti giovani che sono dei buoi, che hanno sogni limitati, però rassicuranti. Perché in fondo il giogo pesa, ma è anche una sicurezza: ci sarà sempre il padrone che ti dà del fieno, ci sarà sempre la tua routine, magari triste o solitaria, ma senza imprevisti destabilizzanti... Spero che ognuno di noi sappia riscoprire il vitellino pieno di vita che è stato, e lasci i sentieri sicuri per trovare nuove strade e vivere intensamente, a otto anni come ad ottanta! i luoghi e le possibilità saranno diverse, ma uguale lo spirito! Complimenti per essere la persona che è nonostante i momenti di dolore. Lisa

    RispondiElimina
  35. Cara Bruna, porta sempre con te questo buonumore, ci fa un bene alla salute.

    Un grande abbraccio.

    Fatima

    RispondiElimina

Timidamente mi presento