lunedì 15 settembre 2008

Prima elementare

  15 Settembre 2008    Il mio nipotino Mattia inizia la prima elementare. Giornata importante !!!!
Sarà emozionato, incuriosito, attento !! Peccato che abiti lontano e che non possa averlo visto. Purtroppo sta piovendo a dirotto, sto pensando che se ci fosse il sole, la sua mamma non lo avrebbe accompagnato con la macchina, si sarebbe incontrato con altri bambini emozionati,come lui. Abitando in un paese, ci si conosce tutti. Qualche giorno fa mi disse, tutto contento, Che il suo migliore amico sarebbe andato in classe con lui. Ricordo il primo giorno di scuola di mia figlia, mamma di Mattia. Era timorosa, le veniva quasi da piangere. Abitavamo in un'altra città ed eravamo in procinto di traslocare, quindi in quella scuola c'è andata per pochi giorni. Nella nuova, poverina, non è stata fortunata con l'insegnante. Trovare una brava maestra è determinante per l'inserimento nella scuola. mah! ... Non tutti fanno il loro lavoro con passione e professionalità!!!!!!
Andando indietro nella memoria, al mio primo giorno di scuola.-- Le scuole del paese erano occupate dai tedeschi, quindi i bambini dovettero andare nelle stanze messe a disposizione dal convento delle suore. Però non erano sufficienti per tutte le classi, così ci fecero fare i doppi turni. Credo che andai in quella "scuola" per un mese perchè sospesero la prima per dare modo di fare scuola alle altre classi. La mia prima compagna di banco si chiamava Edvige, ora lei non si ricorda, ma io non l'ho mai dimenticato.  Mia madre mi mandò in casa di una maestra, che a me sembrava vecchia, ma non doveva esserlo. Era sempre triste, eravamo in 3 o 4  bambini. Non ero contenta, ma erano tempi duri e che diritti poteva avere un bambino, se non potevano averne nemmeno i genitori?!  Venni a sapere da grande che a questa mia maestra, i tedeschi le avevano ucciso il marito per futili motivi. Per fortuna finì la guerra e le scuole fuono liberate da quegli"ospiti", Ci fecero fare un esamino a fummo passati in seconda, A quei tempi ogni famiglia aveve tanti figli, quindi anche se il paese era piccolo la scuola era affollata. Nelle mia classe eravamo più di 40 e quasi tutti ripetenti. Dell'età giusta eravamo si e no una decina. La mia maestra era una santa donna, ma non sempre sapeva farsi rispettare. Non ho ricordi belli della scuola elementare. Dimenticavo di dire chi il primo giorno di scuola, tutte le clessi con  le maestre, si andave in  Chiese ed assistevamo alla S. Messa per invocare l'aiuto del Signore. Mi piaceva vedere la Chiesa gremita di bambini e poi tutti in file, tornavamo vocianti , nella scuola. Questo non si fa più da tanti anni.-- Una preghiera la faccio per conto mio, affinchè Mattia e tutti i bambini, abbiano le opportunità giuste per trovare nella scuola , nella famiglia e nella società, tutti gli elementi per CRESCERE nel vero senso della parola. Questo è l'augurio, con tanto amore, che fa questa nonna.      Chi si ricorda che i bambini che cominciavano la prima elementare venivano chiamati " remigini? "    ciaooooooooo a tuttiiiiiiiiiiii    Brunamaria

12 commenti:

  1. anche io ho una nipote che oggi è andata a scuola... prima media! che emozione: ieri al telefono era emozionatissima... questa sera non vedo l'ora di parlarle per sapere come è andata.

    RispondiElimina
  2. Ciao nonnabruna

    non ho ancora provato questa emozione della scuola, ma penso sia bella!

    Belli i tuoi ricordi! Ciao!

    RispondiElimina
  3. fino all'inizio degli anni 80 il primo ottobre (S.Remigio)per tutta l'Italia era la data d'inizio di tutte le scuole e x questo i bambini che andavano per la prima volta alle elementari erano chiamati "REMIGINI".

    poi la scuola ha anticipato l'apertura a settembre e da allora si chiamano 'primini' perchè è la scuola primaria....

    anche io ho nostalgia di quella bimba con le trecce e il grembiulino bianco col fiocco rosa...quanti anni sono è passati!sono cmq ricordi indelebili nella memoria e faccio tanti auguri al tuo nipotino e a tutti i bimbi che hanno iniziato la scuola!:-))

    Molto bello e toccante il tuo post, hai vissuto in un periodo difficile, però sono ricordi da passare di generazione in generazione, la vostra memoria storica è importante, cosicchè i giovani capiscano quanto sono fortunati adesso....

    RispondiElimina
  4. Grazie care amiche per aver commentato il mio post. Sono dello stesso parere tuo, cara Fiore, è giusto raccontare alle nuove generazioni, alcuni ricordi della nostra infanzia. Fa parte della storia della nostra Italia. Se poi ci mettiamo a scrivere tutte le amiche, nonne, plogger di tutta la nazione... salta fuori un romanzo!!!! Buona e serena notte.. Brunamaria

    RispondiElimina
  5. mi piace la tua semplicita'

    RispondiElimina
  6. Grazie care amiche di essere passate a trovarmi. Bellissimi i vostri regali, siete bravissime, grazie tante per gli auguri.Mi sono anche commossa. Saluto e ringrazio anche Sabatino. Triste ma scritto bene il tuo racconto. Buon fine settimana all'insegna della serenità, a tutti voi. BrunamariaCiaoooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  7. sono in ritardo,

    ma ti offro i migliori auguri del mondo,

    e tanta, tanta serenità

    ciao

    RispondiElimina
  8. Vedo che hai festeggiato il tuo compleanno. In ritardo, perché non l'ho saputo in tempo,, ti faccio tanti auguri e ti mando un bacio con lo schiocco.

    nonna nedda

    RispondiElimina
  9. Sono sorpresa, non avrei immaginato di ricevere tanti auguri per il mio compleanno. Grazie, grazie tante, amici..Domani festeggerò con la mia famiglia. Siamo in 4 settembrini. Se riuscirò ad avere qualche bella foto con figli e nipoti, le metterò nel mio blog.. . Buona e serena notte ,con un abbraccio amichevole.... Brunamaria Ciaooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  10. Auguri..anche se un pò in ritardo!!!!

    Ma oggi è anche il mio onomastico!!!

    Quindi... auguri doppi!!!!!!!

    Grazie per essere passata!!!!

    Un abbraccio!!

    Ispanico!!!

    RispondiElimina
  11. Carissima Bruna ho imparato a scrivere da sdraiata.Come si dice! "La necessità aguzza l'ingegno"(credo si dica così!).Ti abbraccio forte,carino questo post di ricordi scolastici che non avevo ancora letto. Un bacione caloroso amica carissima.

    RispondiElimina
  12. Incuriosita dal tuo blog decido di farti visita. Ma sei una super nonna. Premetto che io sona una mammina di 38 anni di due splendidi pargoli che hanno 3 anni e mezzo Alessia e 19 mesi bimbo peste Federico. Io ho un nipote che si chiama Mattia e anche lui ha iniziato quest'anno la prima elementare. Sai cosa gli ha detto il primo giorno di scuola con sua madre la mattina quando lo ha svegliato: mamma oggi non c'è mica da ridere sai. Mattia è un bimbo intelligentissimo e purtroppo dice che come si annoiava all'asilo si annoia anche a scuola. Lui vorrebbe sempre fare fare e strafare. Ho visto proprio sabato il suo quadernone e sono rimasta come si suol dire basita. Lui era molto orgoglioso di farmi vedere tutte le cose che aveva fatto e anche i super bravissimo che ha preso.

    Spero che ti abbia fatto piacere la mia visita.

    Mammapaola

    RispondiElimina

Timidamente mi presento